L’Ascoltatore Medio: Niccolò Fabi

Il tuo ragazzo suona e ti trascina a sentire gente che urla? I tuoi amici condividono la passione per la musica e ti senti un pesce fuor d’acqua durante le loro discussioni? Sei nel posto giusto, l’Ascoltatore Medio sei anche tu!

30 Marzo 2015, stasera la sottoscritta ascoltatrice media viene trascinata ad un secret show…ma cos’è un secret show?

Non lo so….so solo che mentre giacevo sul divano pregustandomi l’idea di vedere una nuova puntata di Gazebo, il mio inopportuno ragazzo salta su dicendomi: “vestiti, andiamo a sentire Niccolò Fabi“.

niccolò-fabi-pixel

Reazione numero uno: dirmelo prima no? Risposta: lo hanno annunciato ora.

Reazione numero due: chi è Niccolò Fabi? Risposta: sei irrecuperabile.

Allora vediamo di fare un po’ di chiarezza. Innanzitutto dovete sapere che i musicisti sono persone strane, come già sappiamo, infatti generalmente partono da garage e scantinati aspirando ad arrivare negli stadi (per fare dei concerti, non per giocare a calcio), ma quando ci arrivano, se ci arrivano, inizia l’inversione. Spesso il successo li allontana dal contatto con i fan, quindi qualcuno si è inventato sta cosa del secret show, che consiste nell’organizzare un concerto segreto, senza pubblicizzarlo o dirlo a nessuno se non all’ultimo momento, come in questo caso. Ciò concerne che il pubblico sia ridotto, quindi poche persone che possono darti tutto il loro affetto, anche se è inevitabile che siano sconvolti e sudaticci a causa delle corse fatte per avere uno dei pochi biglietti messi a disposizione.

niccolò-fabi

Il concerto si è svolto in una chiesa sconsacrata di San Gemini, che bellezza! Ed è stata organizzato da Degustazioni Musicali Umbria (nome deviante, niente vino né cibo, spiacenti).

Passiamo alla questione numero due: chi è Niccolò Fabi? Ok ok, mea culpa! Anche l’ascoltatore medio lo dovrebbe conoscere, e infatti lo conosce! Cioè conosce le sue canzoni, ma diciamocelo: in Italia abbiamo miliardi di cantautori, come posso io ricordarne tutti i nomi e ricollegarli alle canzoni esatte quando a mala pena riesco a ricordare i nomi di tutti i cugini di mia madre? Memory non è mai stato il mio forte!

In ogni caso Niccolò Fabi è uno dei quegli orgogli nazionali che ognuno di noi dovrebbe portare avanti! Testi favolosi da introspezione catartica ad alti livelli e forza espressiva degna di un illusionista che ti frega l’orologio che neanche sapevi di portare. Ipnotico e con tanti capelli, ma soprattutto umile e divertente! Infatti la cosa che più sorprende positivamente è il rapporto che riesce a creare con noi, scherzando e mantenendo sempre viva l’attenzione, un po’ come quel professore figo amato da tutti gli studenti che ognuno di noi ha avuto almeno una volta!

Ma la cosa più importante è che Niccolò Fabi è coinvolgente, infatti per più di un pezzo chiede il nostro contributo battendo le mani. Questa cosa piace tanto all’ascoltatore medio, anche se basta il balletto di un bimbo davanti a lui per fargli perdere la concentrazione e il ritmo che non ritroverà mai più.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*