Sotto il cielo di Fred, le Semi-Finali: winstonmcnamara

winstonmcnamara, semi-finalista per il premio Buscaglione, Sotto il Cielo di Fred

WinstonMcNamara, una carriera nell’Arte con la A maiuscola in ogni sua forma: alla fine l’approdo all’aspetto musicale solistico. Già suonavi in un’altra band, cosa ti ha portato a tentare una carriera da solo, per di più con ottimi risultati (due album all’attivo)?

Ottimi risultati sul piano dell’ espressione creativa, intendi. Ed intendi bene perchè è l’ unica cosa che conta. In realta’ non sto tentando nessuna carriera, non credo sia possibile. Ho solo la necessita’ di esprimere i miei pensieri attraverso dei manufatti di vario genere.
Dunque la mia deriva mi ha portato su di un isola deserta per molte ragioni.
In primo luogo come accennavo sopra, per esprimere la mia autonomia creativa senza piu’ mediazioni di qualsiasi genere, etichette discografiche, distributori, band mates e anche gli ascoltatori, andate affanculo tutti. Se decido di essere il nulla impersonato nessuno puo’ impedirmelo. WINSTONMCNAMARA  è me al cubo.

A mio avviso, il tuo sound elettronico molto cupo si sposa alla perfezione con il testo del tuo brano: La Fuga Del Cervello. Parlaci della genesi del tuo pezzo, dacci una “guida all’ascolto” per farcelo godere appieno!

Dunque ecco i dettagli salienti:

–  la linea del basso è tratta da un giocattolo di winnie the pooh con le pile scariche
– il testo parla delle aspettative disattese e della crasi generata dal vivere un livello di coscienza superiore immersi in condizioni di vita meschine
– la voce femminile nel coro in background l’ ho fatta io
– le parole del chorus sono cose che penso tutti i giorni

Avendolo vissuto sotto quasi tutte le sue forme, com’è il mondo dell’arte italiano odierno? E con un pezzo come La Fuga Del Cervello, non mi aspetto una situazione propriamente rosea…

Oggi molti hanno qualcosa da dire e tutti hanno i mezzi per farlo: l’ offerta supera la richiesta, il mercato collassa. Nessuno presta attenzione a nulla per piu’ di 50 secondi. Aveva ragione Wharol, anche se il suo calcolo risulta approssimato per eccesso. E quindi sotto con  #coglioneno #coglionesi ma soprattutto #coglioneboh. Lo stato da parte sua tenta di calmierare la sovraproduzione artistica nazionale depennando lo studio della storia dell’ arte dalla scuola pubblica, che intendiamoci, puo’ aiutare, ma purtroppo non basta.
Che ne dite di vietare l’ accesso ai musei ai minori di 18 anni? Nell’ arco di dieci anni niente  piu’ cervelli in fuga, niente piu’ cervelli e basta.

“Situazionista per vocazione”. Come minimo devi spiegarci il perchè di questa vocazione!

Credo che sia nel mio carattere. Ho un tasso di adattabilita’ a tre cifre, sono in grado di fare un pranzo di matrimonio per cinquanta invitati con un cacciavite e sei prugne. Adoro scoprire il senso delle cose mentre accadono, non credo nella programmazione e nei ricordi.

Usa tutto il tuo vocabolario per convincere gli altri gruppi ad abbandonare qualsiasi proposito di vittoria terrorizzandoli, vai!

Il terrore è generato dalla paura dell’ ignoto.

Quando l’ ignoto si manifesta diventando noto, non genera piu’ paura.

E comunque sono abbastanza sicuro che la mattina successiva alla mia vittoria il sole sorgera’ comunque.

Links: Sito Ufficiale, Facebook, Youtube, Bandcamp.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*